IL CANE


Il cane è il miglior amico dell’uomo, un fedele alleato al suo servizio. La sua funzione è importantissima: è sempre al fianco del padrone, lo protegge e ne esegue i compiti. E’ quasi certamente il più intelligente tra gli animali della fattoria, oltre che il più responsabile. L’importanza del cane nelle masserie e nelle case faetane è, e soprattutto è stato, fondamentale per mille aspetti, ma su tutti la sicurezza della casa, della corte e degli animali. Molti erano i tipi di cani adatti alla vita del faetano: il cane che viveva in casa, quello che viveva nell’aia e quello che viveva con gli animali. Il cane che viveva in casa era di taglia media, adatto alla famiglia e agli ambienti domestici, pratico del contatto con la gente (anche estranei) e sopratutto appassionato e docile con i bimbi e gli anziani: mai comunque sprovveduto e sempre attento ai rumori esterni e agli odori “non familiari”. Poi c’èra il cane che viveva nell’aia, che conosceva il perimetro, i rumori ed gli odori che questo racchiudeva: un cane vigile, che avesse una buona voce da avvisare l’agricoltore in ogni momento del giorno (e della notte). Un cane resistente a tutte le stagioni, che non temeva la pioggia, il caldo o la neve, e che fosse un infaticabile guardiano. Un cane che seguiva fedelmente l’agricoltore nei suoi lavori giornalieri. Infine c’èra il cane che viveva con gli animali, dotato di una discreta rusticità, e adatto più alla vita nelle stalle e nei recinti che assieme alle persone. Un cane che si sentisse responsabile delle greggi, rispettoso dei piccoli animali e non timoroso di fronte a quelli più grandi e robusti di lui. I faetani sono stati pastori anche grazie all’intesa tra uomo e cane: con solo due o tre cani era possibile governare un gregge di cento pecore. Il cane stesso riceveva dei vantaggi: cibo e un rifugio sicuro per sé e per i suoi cuccioli.

Principale caratteristica distintiva del cane è il senso dell’olfatto, dovuto alla sua innata attività di cacciatore. Molti faetani amavano l’arte venatoria e quindi tenevano anche cani da caccia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bandiera-francoprovenzle.png

LU CINNE

Lu cinne a-étte lu megliàue ammíche de lu muénne. Gli-éste tuttuàje deccànne u pattrúnne, lu deffénne é i fa sén che i cummànne. A-étte lu mé dràje de lòs anemà, sélle dò mé de sènse. A Faíte lu cinne a-éve sélle che se teníve ‘ncase, sélle che i stave denghjé l’àjere é sélle che i stave dò lòs anemà. Sélle  che i stave ‘ncase gli-éve pa ‘na muórre róue é i fascíve cumpagní a tutte la famíglje, súbbete i denàve la uàje se i sentíve ‘na remmàue che i-ave màje sentí. Póue a-gn-ave lu cinne che i stave denghjé l’àjere, é de l’àjere i quanescíve ciàche remmàue é dóre: un cinne che i fescíve la uàrdje a la massarí é che i-aggiappàve pe denà la uàje u pattrúnne a ciàche àure. Lu cinne de l’àjere i stave appréje appréje u pattrúnne pandànne che sétte i fatijàve; dò la cjà, lu vénte, lu piótre i stave tuttuàje illé devànne.

U derríje a-gn-ave lu cinne de massciàte che i stave ‘nzènne dò lòs anemà é i-auardàve le mandre.

Lò faitàre ó sunte sta pecuràre avóje pettócche i-ante tení lu cinne: dò, tràje cinne de massciàte i resaglievànte a teníje ‘nzènne sénta pécure. Lu cinne i-avíve mengíje assecherà é un lòcche pe durmíje.

É ténne passà, decchírre denghjé u tenemménne de Faíte a-gn-evànte lò làue, pe nun fa scannà lò cinne lò pecuràre i mettànne ‘nganne é cinne lu bruccà, che a-éve un cullare do lò spengàrde de fére appuzzutà.

‘Na muórre de faitàre i-allevànte a cacce é i tenevànte avóje cinne de cacce.